Sabato 25 marzo la Marcia per l’Europa

march-for-europeSiamo pronti per la Marcia per l’Europa: in occasione del 60° anniversario del Trattato di Roma che ha istituito la Comunità Economica Europea un importante appuntamento rivolto a cittadini, associazioni, giovani, enti locali e personalità della cultura che vogliono rilanciare l’integrazione europea a partire dai suoi valori di unità, pace, solidarietà e speranza. Il corteo partirà alle 12 in piazza Bocca della Verità per raggiungere il Colosseo.

Il 25 marzo si riuniranno a Roma l’Unione dei Federalisti Europei, i Giovani Federalisti Europei, Il Gruppo Spinelli e Stand Up for Europe. L’invito rivolto a tutti i cittadini europei è di partecipare insieme a Roma alla “Marcia per l’Europa” per mostrare il proprio sostegno al progetto europeo e chiedere un rilancio dell’unità politica dell’Europa. Oltre 300 intellettuali e accademici europei chiedono una rifondazione dell’unione europea e di aderire alla Marcia per l’Europa.

Qui tutte le informazioni per partecipare.

Di seguito l’appello:

Per 60 anni, le Comunità Europee e poi l’Unione Europea hanno contribuito ad assicurare pace, prosperità e progresso in Europa. L’Europa ha garantito la pace e lo stato di diritto dopo secoli di guerre. L’Europa ha ispirato e guidato verso la democrazia i paesi europei usciti da dittature e totalitarismi. L’Europa è stata cruciale per il progresso economico e sociale dei paesi europei per decenni. L’Europa ha ispirato altre regioni del mondo alla ricerca di unita e modernità. Nonostante tutto questo, l’Europa rimane ancora una costruzione incompleta, a rischio di collasso se la sua unità politica non viene completata al più presto possibile.

Davanti alle sfide di un’economia europea che ristagna e del diminuire dell’influenza europea in un mondo sempre più dominato da grandi potenze continentali, noi europei non possiamo chiuderci nei confini nazionali, sperando di isolarci dai problemi. Gli Stati europei non hanno futuro se rimangono divisi e competono l’uno con l’altro invece di agire uniti. Ritornare al nazionalismo ci indebolirebbe tutti. Possiamo affrontare le grandi sfide che l’Europa ha di fronte solo insieme, completando l’unità politica dell’Europa.

Chiediamo ai Capi di Stato e di Governo dell’Unione Europea riuniti a Roma il 25 Marzo 2017 di approvare un piano per rilanciare e completare l’unità economica e politica dell’Europa.

L’Unione Europa ha una moneta comune, l’Euro. E’ necessaria una politica economica europea con risorse proprie europee per modernizzare e rilanciare l’economia europea. L’Unione Europa ha un confine esterno comune. E’ necessario gestirlo insieme con una forza Europea di frontiera. Guerre e instabilità affliggono le regioni ai confini dell’Europa. Sono necessarie forze di difesa europee che possano proteggere l’Europa, aiutare a pacificare le regioni vicine e contribuire a gestire crisi e conflitti internazionali. Le minacce del terrorismo e del crimine internazionali aumentano. Dovrebbero essere prevenute e combattute con la cooperazione e il supporto europei. Le democrazie nazionali non possono governare forze economiche e politiche che vanno al di là dei confini nazionali. Solo un governo europeo e una vera democrazia europea permetterebbero ai cittadini europei di controllare il proprio destino.

Per chi crede in un’Europa forte, unita e democratica, è ora di far sentire la propria voce. Contro il nazionalismo e il populismo. Per un’Europa unita, contro nuovi muri e divisioni. Per un’Europa unita che mantiene le sue promesse di pace, libertà, sicurezza e prosperità. Per un’Europa di solidarietà e responsabilità condivisa. Per un’Europa che protegga gli interessi e i valori europei nel mondo. Per un’Europa di democrazia che dà voce ai cittadini europei. Per un’Europa della speranza, contro un’Europa della paura. Per un piano di rilancio e completamento dell’unione politica europea.