Medici di base: l’accordo con Zingaretti è un passo importante per il Lazio

Il 27 dicembre il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha illustrato i passaggi fondamentali e più importanti del nuovo accordo sottoscritto tra la Regione Lazio e le organizzazioni sindacali della Medicina Generale, FIMMG, SMI, SNAMI e INTESA Sindacale.

 

Continua, quindi, l’opera di profonda riorganizzazione dell’offerta sanitaria nella nostra Regione e i “medici di base” diventano, sempre più, uno snodo fondamentale tra il paziente e le prestazioni. Con questo accordo, tutti hanno l’opportunità di attivare il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) direttamente dal proprio medico di fiducia.

 

Con l’FSE, il paziente può disporre di un sistema unico per la conservazione, in formato elettronico, dei propri dati sanitari, dalla prescrizione agli appuntamenti e referti, e gli operatori dispongono di uno strumento fondamentale per la gestione della salute del cittadino. Per la prima volta dunque, è possibile avere tutti i dati relativi al paziente, mediante la condivisione delle informazioni in cooperazione applicativa tra i sistemi informativi regionali e quelli dei medici di medicina generale.

 
Dal 2018 saranno 4.800 i medici che potranno associarsi per “unità di cure primarie” per poter fornire ai cittadini dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 19. Per chiudere, non posso non segnalare che anche il servizio di Ambulatorio di Cure Primarie (ACP), creato dalla Regione nel 2014, con questo accordo amplia ed aumenta la propria offerta. Insomma, senza entrare nel tecnicismo, è evidente che la Regione Lazio, in questi anni abbia avuto la lungimiranza e la forza per rafforzare l’offerta sanitaria a disposizione del cittadino. Attenzione ai costi ed alla qualità dei servizi, hanno caratterizzato questi anni e questa opera deve continuare.

Una sanità più vicina: trova la tua ‘casa’ o il tuo ‘ambulatorio’ nel Lazio

retesociosanCare amiche e cari amici,

come sapete, fin dall’inizio della legislatura, la Giunta di Nicola Zingaretti sta lavorando alla realizzazione di una nuova rete sociosanitaria territoriale per le cure primarie e la continuità assistenziale. Un sistema che prima non c’era, dove i cittadini possono incontrare una nuova offerta di servizi, più accessibili e meglio organizzati.

Con le Case della Salute, che rappresentano il cuore di questo nuovo modello, il sistema sanitario della nostra regione avvia un processo di recupero, riqualificazione, rilancio delle sue strutture. Le Case della Salute offriranno ai cittadini un’unica sede territoriale di riferimento alla quale rivolgersi ogni giorno per i diversi servizi socio sanitari tra cui quelli per le patologie croniche (come ad esempio il diabete o lo scompenso cardiaco). Una risposta concreta, competente e adeguata ai diversi bisogni di assistenza.

In realtà, non tutti i cittadini sono al corrente di queste novità. Spesso nemmeno sanno che, proprio nel loro territorio, esiste già una struttura (casa della salute o ambulatorio) che può risolvere i loro problemi. Proprio per questo motivo, in una logica di servizio, vi segnalo qui un primo elenco delle strutture funzionanti:

 

NOME
TIPOLOGIA
COMUNE
PR
CAP
TELEFONO
Casa della Salute Magliano Sabina Casa della Salute Magliano Sabina RI 02046 0744 9121 Vai alla scheda
Casa della Salute Prati – Trionfale Casa della Salute Roma RM 00136 06 68351 Vai alla scheda
Casa della Salute di Sezze Casa della Salute Sezze LT 04018 0773 801500 Vai alla scheda
Casa della Salute di Pontecorvo Casa della Salute Pontecorvo FR 03037 0776 7691 Vai alla scheda
Casa della Salute di Rocca Priora Casa della Salute Rocca Priora RM 00040 06 93274510 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Largo De Dominicis Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00159 06 41435760 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Bresadola Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00171 06 41434863 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Viale Cambellotti Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00133 06 41436271/93 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Antistio Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00174 06 41435012/33 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Frà Albenzio Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00136 06 68357219/20 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Piazza Istria Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00198 06 86557875 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via A. Canova Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00186 06 77306108 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Lampedusa Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00141 06 77304321/4319 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via E. Morosini Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00153 06 77306650/6674 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Viale Vega Ambulatorio di Cure Primarie Ostia RM 00122 06 56483562 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Forteguerri Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00176 06 51008416/29 Vai alla scheda
Ambulatorio di Cure Primarie Via Camillo Sabatini Ambulatorio di Cure Primarie Roma RM 00144 06 51006431 Vai alla scheda

 

Ovviamente, l’impegno della Regione continua. In futuro, altre Case della Salute verranno aperte. Per avere, intanto, informazioni più dettagliate vi suggerisco di visitare il sito della Regione cliccando questo link.

 

 

 

 

 

Una sanità più vicina alle persone: l’accordo con i medici di famiglia

medici-blogtaorminaOggi è un giorno positivo per i cittadini del Lazio. La Regione infatti ha siglato con i medici di medicina generale un protocollo di intesa che migliorerà certamente la qualità della loro vita I cittadini  potranno godere del servizio di assistenza ambulatoriale anche nelle giornate di sabato e domenica e nei festivi. Non avranno più bisogno di ricette cartacee da parte del medico e per acquistare i farmaci potranno presentarsi in farmacia semplicemente presentando il proprio codice fiscale. Inoltre, sul sito web della Regione potranno localizzare e conoscere gli orari degli studi medici e delle Unità di cure primarie.

Si tratta di una generale semplificazione della vita quotidiana dei pazienti che inciderà anche sull’ efficienza delle strutture di assistenza territoriale. In particolare, avrà un impatto forte sulle liste d’attesa perché, grazie a questo accordo con la Regione Lazio, i medici di medicina generale dovranno indicare anche la classe di priorità delle prestazioni, disponendo così diversi livelli di urgenza e alleggerendo l’impatto sulle strutture”.

Resta da verificare nei prossimi mesi la effettiva messa a regime di questo accordo, soprattutto per quanto riguarda il necessario allineamento telematico tra strutture sanitarie regionali e studi dei medici di medicina generale. Ma resta il fatto che i miglioramenti che ci attendiamo rappresentano una vittoria per tutte quelle organizzazioni di cittadini che in questi anni si sono battute per una più piena tutela del diritto alla salute.

Di seguito il comunicato stampa della Regione Lazio

 

Per assicurare cure e servizi migliori ai cittadini la Regione potrà contare anche sul supporto e sul contributo dei medici di famiglia, che faranno la loro parte rispetto ai problemi e ai disagi che i pazienti incontrano ogni giorno anche per prenotare un esame o un controllo, e per cui spesso sono costretti ad aspettare dei mesi.

Sono sei le azioni importanti che sta introducendo la Regione:


1.Percorsi di cura per i pazienti cronici. Fino ad oggi, dopo la prescrizione del medico, questi pazienti dovevano muoversi da soli tra le diverse strutture. Da oggi il medico li seguirà in ogni aspetto: dalle visite alle prescrizioni di farmaci e pacchetti di esami, fino alla scelta del presidio sanitario. Nel Lazio i pazienti cronici sono più di 400.000.

Sarà il medico a prenotare direttamente le analisi utili e necessarie ai suoi pazienti. Un esempio? Il pacchetto annuale delle prestazioni di base per i pazienti diabetici: prevede una visita oculistica, un’eventuale visita neurologica, un’eventuale visita nefrologica e tre emoglobine glicate.

2.Nuova gestione delle liste d’attesa. Oggi nel Lazio si producono 90 milioni di ricette all’anno, la maggior parte di queste arrivano dai medici di medicina generale e non indicano alcuna classe di priorità ad esclusione del Dottor Cup. Dal 1° dicembre anche i medici di medicina generale dovranno indicare nella ricetta che priorità ha la prescrizione: urgente,breve,differibile o senza priorità, secondo questo schema:

Urgente, da eseguire nel più breve tempo possibile e, comunque, entro 72 ore
Urgenza breve, da eseguire entro 10 giorni
Differibile, da eseguire entro 30 giorni per quanto riguarda le visite e 60 per le prestazioni ambulatoriali
Senza priorità, quando si tratta di una prestazione programmata per i pazienti cronici.

3.Tutte le ricette dei farmaci online. Superiamo gradualmente la ricetta cartecea. Il medico darà al paziente solo un promemoria con i dati ed il codice fiscale e poi la farmacia rilascerà i farmaci. La fase sperimentale durerà 30 giorni dal 1° novembre nella ASL di Viterbo e nella Asl Roma D nel Comune di Fiumicino.

4.Riorganizzazione complessiva delle unità di cure primarie. Fino ad oggi c’era poca chiarezza nell’offerta dei servizi tra le Ucs, le Unità di Cure Primarie Semplice, cioè le reti da 3 a 10 studi medici collegati tra di loro, e le Ucp, le Unità di Cure Primarie Complessa, cioè gli studi associati con un minimo di 3 e un massimo di 8 medici. Da oggi in ogni UCP ci sarà la carta dei servizi che ogni cittadini potrà consultare. E poi le Ucp saranno messe in collegamento costante con i Pronto soccorso e le Case della salute.

Servizi più chiari. Le Unità di Cure Complesse saranno anche più riconoscibili: dal 1° gennaio 2015 tutte queste strutture avranno un’insegna identificativa con il logo della rete sociosanitaria territoriale e dell’ASL di riferimento e altri dati come l’orario e i giorni di ricevimento e i nominativi dei medici.

5.Tutte le informazioni sul tuo medico con un click. A partire da gennaio 2015 le Unità di Cure Primarie a sede Unica saranno georeferenziate e geolocalizzate online sul sito della Regione. Digitando il nome del suo medico ogni cittadino potrà ottenere tante informazioni: dall’indirizzo ai giorni e all’orario di lavoro sia dello studio che della Unità di Cure Primarie a cui fa riferimento.

6.Assistenza anche nei giorni festivi. Avviamo la sperimentazione a dicembre con gli ambulatori distrettuali di Roma che resteranno aperti anche il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19 e saranno a disposizione dei pazienti con i medici di medicina generale.

”Questo accordo con i medici di medicina generale è una bomba atomica, che però salva e salverà le vite. È una grandissima sfida e ringrazio i medici di medicina generale per questo- lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: è uno dei pilastri e delle innovazioni più importanti che la sanità del Lazio ha vissuto dal dopoguerra”.