Commissione Bilancio: via libera al Rendiconto generale della Regione Lazio

lazio_consiglio_regionale_1La quarta commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico-finanziaria, ha dato parere favorevole, a maggioranza, alla proposta di legge regionale n. 356/2016, d’iniziativa della Giunta, “Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2015”, e alla proposta di deliberazione consiliare n. 68/2016, “Approvazione del rendiconto consolidato Giunta-Consiglio 2015”. Entrambi i provvedimenti, propedeutici alla manovra di bilancio 2017, sono dunque pronti per l’esame da parte dell’Aula consiliare.

Le entrate di competenza accertate ammontano (al netto del riaccertamento dei residui) a 27,255 miliardi di euro, le spese di competenza a 25,963 miliardi, con una differenza tra entrate e spese di 1,292 miliardi. Alla chiusura dell’esercizio finanziario 2015 risultano residui attivi (crediti) per 4,186 miliardi di euro, e residui passivi (debiti) per 6,645 miliardi. L’avanzo di cassa al 31 dicembre 2015 è pari a 827 milioni di euro. Il disavanzo è stato di 2,028 miliardi (al lordo del fondo pluriennale vincolato), in miglioramento rispetto al Rendiconto 2014, laddove il disavanzo era di quasi tre miliardi di euro.

Il Rendiconto ripercorre i numerosi interventi che nel 2015 hanno avuto un impatto sui conti regionali: la legge di stabilità, le leggi sulla soppressione di enti come Ardis e Agenzia per i trapianti, le anticipazioni di cassa da parte del Ministero dell’economia e delle finanze per il pagamento dei debiti commerciali pregressi, gli interventi per il recupero fiscale (tassa auto, ticket sanitari) e sull’addizionale regionale Irpef, le cessioni di spazi finanziari agli enti locali per il pagamento dei loro debiti, le operazioni sugli enti e sulle società regionali volte alla verifica dei debiti e dei crediti reciproci, le dismissioni di quote societarie laddove la Regione Lazio aveva quote di minoranza, la razionalizzazione delle sedi della Regione Lazio con la riduzione dei canoni di locazione, passati da circa 19 milioni annui a 13 e infine il piano di dismissioni immobiliari.

Un capitolo a parte del Rendiconto è dedicato alla gestione sanitaria, con un bilancio consolidato che si presenta ancora con un disavanzo di 332 milioni di euro e incide sul bilancio regionale per il 70 per cento degli incassi (11,6 miliardi) e per il 75 per cento dei pagamenti (11,4 miliardi). Il voto della commissione è stato preceduto dalla richiesta di alcuni chiarimenti, in merito ad alcune criticità evidenziate dalla Corte dei Conti nel giudizio di parifica sul Rendiconto generale, da parte della consigliera Valentina Corrado (M5s) alla quale ha risposto l’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore.

Questi i documenti della manovra di bilancio 2017, all’esame della commissione Bilancio: il “Documento di Economia e Finanza Regionale 2017 – Anni 2017- 2019” (Defr, proposta di deliberazione consiliare n. 74/2016), la “Legge di stabilità regionale 2017” (pl 357/2016), il “Bilancio di previsione finanziario della Regione Lazio 2017-2019” (pl 358/2016) e l’assestamento delle previsioni di 2016-2018 (pl 340/2016).

A cura dell’Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

2016, bilancio approvato: il nuovo corso della Regione Lazio

conslazioAlle 5 di mattina di ieri, 31 gennaio, dopo una maratona di tre giorni, abbiamo approvato la legge di stabilità 2016 e il bilancio 2016-18 della Regione Lazio, un bilancio che consolida il nuovo corso di questa Regione. È stato fatto con la collaborazione di tutti, maggioranza e opposizione. Sono fondi per sanità, servizi sociali, ambiente, lavoro e tanto altro.

Abbiamo lavorato all’approvazione di un bilancio che finalmente è sotto controllo, trasparente, un bilancio che ogni cittadino può leggere per rendersi conto di come stiamo operando e che contribuirà a rilanciare la Regione Lazio attraverso investimenti mirati e riduzione della spesa.

Abbiamo ridotto le ASL di Roma da 5 a 3, tagliato le partecipate e gli enti inutili, stabilito regole precise per la consegna dei bilanci delle società regionali e creato un organismo, senza costi, che ci farà utilizzare interamente i finanziamenti europei.

Attraverso la legge di stabilità assorbiremo quei lavoratori che avevano bisogno di ricollocazione dopo la legge Del Rio sul riordino delle province, ridistribuendo le funzioni tra gli enti locali.

Con la manovra 2016-2018, infine, viene confermata l’esenzione dell’addizionale Irpef per i redditi inferiori a 35 mila euro oltre alle altre agevolazioni per i nuclei familiari con reddito non superiore a 50 mila euro e con tre o più figli fiscalmente a carico o nuclei con figli disabili a carico.

Un augurio per un buon anno a tutti.

Il Bilancio della “svolta”

regionelazio

Come già sapete se seguite il mio blog, si è chiusa questa mattina all’alba la partita del Bilancio della Regione Lazio. Il Consiglio ha approvato nei tempi previsti ed è stato evitato l’esercizio provvisorio. Il Lazio comincia a diventare ‘virtuoso’. Questa volta non si è fatto tardi per nascondere meglio gli ‘inciuci’, come forse era abitudine fare un tempo. Questa volta la lunga corsa notturna verso l’approvazione finale è servita per garantire al Lazio una svolta che ci permette di guardare con rinnovata fiducia al 2015. Le parole del Presidente Zingaretti spiegano bene il senso di questo passaggio e pertanto mi fa piacere riportarle integralmente.

 

***

“Stanotte in Consiglio abbiamo approvato nei tempi previsti il Bilancio della ‘svolta’. Siamo riusciti, infatti, riducendo la spesa improduttiva, tagliando gli sprechi e razionalizzando la macchina regionale a pagare 8,5 miliardi di debiti arretrati e a scongiurare il fallimento. Ora abbiamo un bilancio vero e sostenibile ed abbiamo previsto un ulteriore stanziamento di 250 mln di euro per continuare a pagare i debiti residui. Stiamo inoltre raggiungendo tempi di pagamento che ci allineano con gli standard europei”. Commenta così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti l’approvazione della Legge di Stabilità regionale 2015 in aula del Consiglio.  Continue reading

Lazio: il Consiglio approva la legge di stabilità e il bilancio

leggestabilita

 

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato, con 28 voti favorevoli e 8 contrari, la Legge di stabilità regionale 2015 (proposta di legge n. 230) e il Bilancio di previsione della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2015-2017 (pl 229). Il voto finale è arrivato alle ore 4 e 17, dopo l’approvazione dei due maxi-subemendamenti (uno alla pl 230, uno alla pl 229) sottoscritti dall’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore, con i quali la Giunta ha fatto decadere gli oltre duemilaseicento emendamenti e subemendamenti presentati. Prima del voto finale, sono stati approvati anche numerosi ordini del giorno sia di maggioranza che di minoranza.

Continue reading

Bilancio: ok al Rendiconto della Regione, Defr e ai conti del Consiglio

DSC_1020ritagliata_Buschini_e_SartoreLa commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio e programmazione economico-finanziaria ha dato, a maggioranza, parere favorevole:

-al Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2013 (proposta di legge regionale n. 226);

-al conto consuntivo del Consiglio regionale per l’esercizio 2013 (proposta di deliberazione consiliare n. 30);

-al bilancio armonizzato del Consiglio 2015 – 2017 (pdc n. 37).

Nel corso della seduta è stato distribuito il parere del Consiglio delle autonomie locali, favorevole con alcune integrazioni riguardanti, tra l’altro, gli effetti della cosiddetta “legge Delrio”, la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili (Lsu), il potenziamento del trasporto pubblico locale, la norma della proposta di legge di stabilità relativa al definanziamento delle opere pubbliche interamente coperte da finanziamenti regionali non utilizzati a distanza di tre anni.

I numeri del Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2013, sono i seguenti:

  • le entrate accertate ammontano a 42,2 miliardi di euro;
  • le spese complessivamente impegnate ammontano a 41,7 miliardi di euro.

Il rendiconto 2013 si chiude con un disavanzo pari a 4, 97 miliardi di euro, in miglioramento rispetto al 2012. Il bilancio di previsione del Consiglio regionale per il 2015 vale circa a 59 milioni di euro. La riduzione della spesa è di circa 5 milioni di euro rispetto ai 64 milioni del preconsuntivo del 2014. 

Per ultimo l’assessore al Bilancio,Alessandra Sartore, ha illustrato il Documento di economia e finanza regionale 2015-2017 (Defr) che è stato votato dalla commissione Bilancio, il giorno seguente, sabato 20 dicembre, con parere favorevole, a maggioranza e con diversi emendamenti.

Dopo il via libera del Documento di economia e finanza regionale 2015 – Anni 2015-2017 (Defr), la commissione ha stabilito a maggioranza di rinviare all’Aula la legge di stabilità (proposta di legge n. 230) e il bilancio (pl 229) con tutti gli emendamenti depositati.

La conferenza dei capigruppo ha già stabilito la convocazione del Consiglio per lunedì 22 dicembre alle ore 12.