Zingaretti: ridurre le Regioni mettendo subito in comune le attività

zingabinga“Le Regioni possono iniziare subito a mettere insieme alcune attivita’, in modo da ridurre i costi e alzare la qualita’ dei servizi. Poi si potra’ pensare realisticamente a ridurre il numero delle Regioni stesse per arrivare a ambiti piu’ ampi”.Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, intervistato da La Repubblica, propone che le Regioni senza nuove leggi inizino a mettere in comune per grandi aree del Paese alcuni dei mestieri che fanno ciascuna solo per sé, una prima tappa verso una riduzione di quegli enti locali.

 

Qui sotto il link dell’intervista completa

Intervista “La Repubblica”_Zingaretti

Bilancio: ok al Rendiconto della Regione, Defr e ai conti del Consiglio

DSC_1020ritagliata_Buschini_e_SartoreLa commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio e programmazione economico-finanziaria ha dato, a maggioranza, parere favorevole:

-al Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2013 (proposta di legge regionale n. 226);

-al conto consuntivo del Consiglio regionale per l’esercizio 2013 (proposta di deliberazione consiliare n. 30);

-al bilancio armonizzato del Consiglio 2015 – 2017 (pdc n. 37).

Nel corso della seduta è stato distribuito il parere del Consiglio delle autonomie locali, favorevole con alcune integrazioni riguardanti, tra l’altro, gli effetti della cosiddetta “legge Delrio”, la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili (Lsu), il potenziamento del trasporto pubblico locale, la norma della proposta di legge di stabilità relativa al definanziamento delle opere pubbliche interamente coperte da finanziamenti regionali non utilizzati a distanza di tre anni.

I numeri del Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2013, sono i seguenti:

  • le entrate accertate ammontano a 42,2 miliardi di euro;
  • le spese complessivamente impegnate ammontano a 41,7 miliardi di euro.

Il rendiconto 2013 si chiude con un disavanzo pari a 4, 97 miliardi di euro, in miglioramento rispetto al 2012. Il bilancio di previsione del Consiglio regionale per il 2015 vale circa a 59 milioni di euro. La riduzione della spesa è di circa 5 milioni di euro rispetto ai 64 milioni del preconsuntivo del 2014. 

Per ultimo l’assessore al Bilancio,Alessandra Sartore, ha illustrato il Documento di economia e finanza regionale 2015-2017 (Defr) che è stato votato dalla commissione Bilancio, il giorno seguente, sabato 20 dicembre, con parere favorevole, a maggioranza e con diversi emendamenti.

Dopo il via libera del Documento di economia e finanza regionale 2015 – Anni 2015-2017 (Defr), la commissione ha stabilito a maggioranza di rinviare all’Aula la legge di stabilità (proposta di legge n. 230) e il bilancio (pl 229) con tutti gli emendamenti depositati.

La conferenza dei capigruppo ha già stabilito la convocazione del Consiglio per lunedì 22 dicembre alle ore 12.

Chanukkah: la Festa della luce

Chanukkah3

 

S’illumina tra la musica, i dolcetti e i festeggiamenti il grande candelabro in piazza Barberini, acceso ieri sera per la ricorrenza ebraica del Chanukkah, la Festa delle luci.

 

Alla cerimonia hanno preso parte tra gli altri il sindaco di Roma Ignazio Marino, l’ambasciatore di Israele Naor Gilon e Pierferdinando Casini, attuale Presidente della Commissione Affari Esteri del Senato.

 

“Oggi si celebra l’eroismo del popolo ebraico”, ha detto l’ambasciatore Naor Gilon”, e “l’importanza della libertà di culto.

 

Chanukkah2

 

 

Ma questa è anche la festa della speranza e dell’ottimismo”. “Sono molto contento, questa cerimonia ha un valore simbolico straordinario”, ha detto Marino rivolgendosi durante il suo intervento anche ai bambini presenti nella piazza, insieme alla comunità ebraica di Roma.

 

 

E anche Casini ha fatto riferimento a loro: “E’ molto bella questa aria di musica che abbiamo sentito, ma soprattutto i bambini che accendono le loro lucine”.

 

 

Chanukkah4

Ero presente anch’io, in rappresentanza del governatore Nicola Zingaretti. Ho ringraziato la comunità ebraica per questa bella festa perché rappresenta una opportunità di diffondere messaggi di speranza e di fiducia in un momento in cui dobbiamo rilanciare Roma e l’Italia.

 

La Festa delle luci che vincono sul buio, appunto.