Quell’odissea in corsia: un’offesa per i malati

Dopo l’articolo di Carlo Picozza, apparso su la Repubblica -Roma di sabato 28 dicembre 2013 (potete leggerlo qui),  ho ritenuto opportuno scrivere questa lettera, pubblicata il giorno seguente sullo stesso quotidiano, con tutto il mio evidente  rammarico.

“Caro direttore,

Ho letto con dolore e sconcerto l’esperienza vissuta da Carlo Picozza al Pronto Soccorso del San Giovanni. E anche con molta rabbia perché comportamenti come quelli descritti sono stati combattuti per anni sia da operatori sensibili e responsabili sia soprattutto dai cittadini, attraverso le carte dei diritti dei pazienti ed una presenza assidua a tutela degli utenti all’interno degli ospedali mediante il Tribunale per i diritti del malato. Continue reading

Riforme: i veri “saggi” sono i cittadini. Il mio pezzo per l’Huffington Post

partecipagov

Dopo la sentenza della Corte sul Porcellum e il risultato delle primarie del Pd, le riforme istituzionali tornano di moda. Matteo Renzi ne sta facendo un cavallo di battaglia. Da mesi, Giorgio Napolitano lancia appelli al Parlamento perché proceda in questa direzione. Ridurre i costi della politica significa anche rendere le nostre istituzioni più snelle ed efficienti. La Commissione per le riforme costituzionali – quella dei cosiddetti “saggi” – ha offerto nuove ipotesi di riforma che prevedono una “cura dimagrante” per le istituzioni. I partiti continuano a rimandare. I grillini nicchiano. Ma i cittadini che cosa ne pensano?

Continua su Huffingtonpost

La sessione di Bilancio regionale ci costa l’abbattimento di 8 pini di 15 metri

Al Consiglio regionale del Lazio stiamo affrontando la cosiddetta “sessione di Bilancio”, l’esame di tutti i provvedimenti relativi ai consuntivi 2012 e di previsione per il 2014, compresa la Legge di Stabilità 2014 e il Bilancio di previsione 2014-2016. Su questi ultimi due, sono stati presentati circa 5.300 emendamenti, tali da portare la consistenza del “fascicolo d’Aula” a 8.172 pagine. Moltiplicato per 80 copie (51 consiglieri, 10 assessori, più gli uffici tecnici), si arriva alla stratosferica cifra di 653.760 pagine, uno spreco enorme. Continue reading

Inizia la sessione di Bilancio in Consiglio regionale del Lazio

Cari amici, in questi giorni è iniziata la sessione di Bilancio in Consiglio regionale. Ci sono 5 provvedimenti da approvare, tra cui il Documento di Economia e Finanza regionale 2014-2016, la Legge di Stabilità regionale 2014 e il Bilancio di previsione 2014-2016. In questo momento la discussione avviene in commissione Bilancio, dove nei giorni scorsi sono state ascoltate le parti sociali e ogni singolo assessore sulle norme di loro competenza. Sabato 21 dicembre è previsto l’inizio dell’esame in Aula, con l’obiettivo di concludere prima di Natale.
In attesa di entrare nel merito dei provvedimenti, vi segnalo questo articolo che recentemente ho pubblicato su Huffington post, per cominciare a discutere di conti, tagli e spese.

http://www.huffingtonpost.it/teresa-petrangolini/i-vitalizi-dei-consiglieri-regionali-io-li-taglierei-cosi_b_4375941.html

Premiazione concorso “Mai più violenza: esci dal silenzio”

Venerdì 13 dicembre il Consiglio regionale del Lazio ha ospitato la premiazione dei vincitori del concorso “Mai più violenza: esci dal silenzio”, promosso congiuntamente alla Consulta Femminile Regionale per le Pari Opportunità. Si è trattato della sesta edizione di un premio nato per favorire il confronto tra le nuove generazioni, gli insegnanti e le associazioni femminili sul tema della violenza, per stimolare riflessioni e analisi e per educare al rispetto reciproco e alla condanna di qualsiasi forma di violenza.
Alla cerimonia hanno partecipato centinaia di ragazze e ragazzi in rappresentanza dei 102 istituti laziali coinvolti (per un totale di oltre 600 studenti) ed è stato bellissimo intervenire in una sala Mechelli gremita da tanta bella gioventù, con i corridoi della Pisana che hanno ospitato una parte dei loro lavori, fatti con passione, intelligenza e accuratezza.

P1070633

Nel mio breve saluto a tutti quei ragazzi ho voluto ricordare loro che la violenza si combatte solo con un cambio culturale nell’approccio al fenomeno: non è possibile che, come risulta dagli ultimi dati del 2013, più del 90% delle donne che hanno subito violenza non sporge denuncia alle autorità competenti. Come dice il titolo del concorso, occorre uscire dal silenzio, avere il coraggio di affrontare il male e denunciarlo. La scuola gioca un ruolo fondamentale di educazione alla cittadinanza attiva, alla partecipazione, come hanno sancito anche l’Onu e l’Unione europea. Genitori, professori e studenti devono dialogare insieme per rompere il muro dell’omertà. Oltre alla scuola, anche le altre istituzioni devono svolgere al meglio il loro compito e in questo senso ho voluto ricordare ai ragazzi che proprio in questi giorni il Consiglio regionale – che fa le leggi e dovrebbe farle ascoltando i cittadini – è impegnato nell’esame di una proposta di legge in materia di contrasto alla violenza sulle donne, attualmente all’esame della V Commissione. Una legge che favorisce la prevenzione del fenomeno e potenzia l’assistenza alle vittime, che ha visto l’apporto di numerose associazioni, in una grande operazione di ascolto che si è conclusa a fine ottobre, dopo l’audizione di oltre 90 associazioni ed enti.

Alla fine della mattinata, sono stati premiate le opere ritenute migliori tra le oltre 300 presentate per la selezione nelle tre diverse categorie di concorso: opere grafiche, multimediali e letterarie. Oltre ad un premio di 1.000 euro per ogni categoria, le opere vincitrici beneficeranno di un’ampia diffusione. Il Liceo scientifico e linguistico di Ceccano ha vinto nella categoria letteraria e in quella multimediale: il lavoro letterario dei ragazzi sarà stampato e distribuito, mentre verranno promossi spot pubblicitari con il lavoro multimediale, al fine di contribuire a sollecitare una riflessione consapevole sulla violenza. L’I.I.S. Liceo Artistico “F. Orioli” di Viterbo ha vinto nella sezione artistica e il lavoro sarà affisso in tutti i capoluoghi di provincia della Regione. Menzione speciale, infine, alle autrici del Liceo artistico della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia.