Vaccini obbligatori: vi dico perché si

Care amiche e cari amici, vi riporto integralmente il mio intervento sulla mozione di incostituzionalità del “decreto vaccini”- proposta dal M5S durante il Consiglio regionale del 20 settembre. 

 Il principio della prevenzione 

Colleghi, noi siamo contrari a questa mozione, sto parlando a nome della maggioranza, quindi voteremo contro, perché riteniamo che il provvedimento, attualmente in atto sul territorio nazionale, rappresenti una garanzia di tutela della salute della collettività, così come prevede l’articolo 32 della Costituzione.

Questo provvedimento non sarebbe stato necessario se noi ci fossimo trovati in una situazione di sicurezza: vale a dire se non avessimo toccato quel limite, che è quello che viene comunemente inteso come l’immunità di gregge. Limite, che fa sì, che quando la copertura vaccinale si riduce sotto il 95 per cento, noi siamo tenuti – come collettività e quindi come Stato – ad intervenire perché tutti i cittadini siano garantiti. Ragione in più, in un momento di grande mobilità, in cui dobbiamo garantire a tutti i bambini che vanno a scuola, di qualsiasi nazionalità siano, una copertura vaccinale.

Prima sentivo dire che non c’è stata un’epidemia. Ma la sanità pubblica ha come principio quello di non aspettare i morti, ma di prevenire; non dobbiamo certo aspettare l’inizio di un’epidemia per intervenire.

Ci dovrebbe bastare il fatto che sono morti tre bambini di morbillo di cui due a Roma, e che solamente nell’ultimo anno la copertura vaccinale in questa regione è scesa del 2 per cento. Sono cose che ci devono preoccupare. Non dobbiamo aspettare che succeda qualcosa di particolarmente tragico. Noi dobbiamo intervenire ed è nostro dovere, come collettività e come Istituzione, garantire che ci sia la tutela del diritto alla salute.

Il numero delle vaccinazioni

Come Regione, ci eravamo già impegnati, avevamo presentato un disegno di legge, la Giunta l’aveva presentato, proprio per questa preoccupazione. Allora avevamo solamente la questione delle quattro vaccinazioni obbligatorie, oggi siamo in una situazione completamente diversa. In quei giorni l’avevamo fatto per senso di responsabilità, per l’idea che noi, come Istituzione regionale, dobbiamo garantire ai cittadini sicurezza e tranquillità quando accedono ai servizi e quando vanno a scuola.

Poi c’è stato il provvedimento nazionale del Governo e devo dire che il Parlamento, grazie anche al contributo delle opposizione, ha migliorato la legge che è stata presentata dal Governo. Per esempio, come ricordava Storace, ha ridotto il numero delle vaccinazioni scegliendo quelle sulle quali potevano esserci più problemi e lasciando altre vaccinazioni come quelle raccomandate. Non sono state eliminate, ma è stato semplicemente detto: dieci sono obbligatorie e quattro raccomandate. Inoltre sono state ridotte le sanzioni, proprio per non portare avanti un’azione che poteva non essere capita dai cittadini.

Il compito della Regione

Io credo che la nostra Regione in questo momento abbia un compito diverso rispetto al fatto di presentare un ricorso presso la Corte costituzionale. La nostra Regione ha il compito di impegnarsi per attuare questa legge, per farla comprendere ai cittadini, per semplificare le procedure, per far capire che cosa bisogna fare. Non a caso, proprio nei giorni scorsi la Regione ha fatto un accordo con l’Ufficio regionale della scuola per garantire che non siano i genitori a dover presentare tutti i documenti, ma le scuole che si impegneranno a presentare gli elenchi dei loro alunni. Poi, nel tempo, saranno le ASL. Perché noi abbiamo tempo fino a marzo del 2018 per regolarizzare le situazioni e far sì che tutte le incombenze burocratiche non siano a carico dei cittadini, ma siano a carico delle Istituzioni.

È stata prevista l’autocertificazione. E perché è importante? Perché non sempre è possibile regolarizzarsi all’istante, proprio perché c’è tempo fino a marzo del 2018. Quindi, se un genitore ha prenotato la vaccinazione può iscrivere il proprio figlio a scuola.

Inoltre, la Regione, ha stabilito e inserito nel portale telematico un modulo, che ogni genitore può scaricare, uguale per tutti, nel quale appunto si indica l’autocertificazione, se si è in regola con le vaccinazioni, se si è proceduto, in quanto non in regola, a fare la prenotazione.

Immunità per tutti

Io credo che poi ci siano delle altre cose importanti in questo provvedimento, perché nel provvedimento nazionale sono indicati i casi e le possibilità per i medici di assumersi la responsabilità di esonerare chi non può essere vaccinato, perché ci sono dei bambini che non possono essere vaccinati per le malattie che hanno o per la situazione in cui si trovano. E questo è importante. Ma proprio per poter fare questo noi dobbiamo avere la garanzia che tutti gli altri siano vaccinati.

Addirittura la legge garantisce che, nei casi in cui ci siano dei bambini che non si sono potuti vaccinare perché non erano nelle condizioni di poterlo fare, devono essere messi in classi in cui tutti gli altri bambini siano vaccinati, proprio a garanzia che anche chi è malato possa usufruire di quella immunità che viene garantita per tutti.

Una legge essenziale

Peraltro, io sto girando la regione per parlare con i genitori, per fare degli incontri anche a livello locale per andare a vedere quali sono i problemi concreti delle persone. Molto spesso sono legati all’informazione, al non sapere se il modulo è quello giusto o quello sbagliato, o delle volte anche all’eccessiva freddezza delle nostre strutture sanitarie nel momento in cui devono approcciare le famiglie per spiegare i motivi e le procedure con cui devono rispettare la legge. Noi questo lo dobbiamo garantire ai cittadini, perché è diritto del cittadino poter vedere attuata questa legge, ma in maniera conforme alle proprie esigenze e ai propri problemi, con quel livello di umanizzazione indispensabile. Questa è una legge essenziale per la sicurezza dei nostri bambini, ma in generale dei cittadini, ed è un bene che sia compresa ed attuata nel modo più semplice possibile.

La copertura vaccinale

Credo che il compito della Regione sia quello di impegnarsi in maniera molto forte per l’attuazione del provvedimento. Mi auguro che questi tipi di provvedimenti nel futuro non debbano essere necessari, cioè mi auguro di poter raggiungere, nel più breve tempo possibile, quella copertura vaccinale che ci consenta di non rendere obbligatorie le vaccinazioni, come succede in alcuni Paesi. Purtroppo, ce ne sono altri – ricordo la Francia- che hanno dovuto reintrodurre la copertura vaccinale perché sono successe cose similari alle nostre.

La nostra attenzione deve essere quella di aumentare l’immunità di gregge per tutti questi vaccini, in modo tale che i nostri figli non debbano rischiare. Vi ringrazio.

Protezione civile Lazio: M5S ostacola Consulta volontari

“Grave e irresponsabile l’azione dei 5S che vogliono bloccare l’istituzione della Consulta regionale delle associazioni di volontariato di protezione civile del Lazio”, secondo Teresa Petrangolini e Riccardo Valentini, consiglieri regionali del Lazio, gruppo Pd.

“Oggi il Consiglio regionale sta discutendo i criteri per il funzionamento della Consulta regionale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile in attuazione della legge regionale 26 febbraio 2014, n.2 (Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell’Agenzia regionale di protezione civile).

Il Movimento 5 Stelle tenta di bloccare questa iniziativa avanzando cavilli burocratici. Secondo i grillini bisognerebbe attendere i decreti attuativi delle leggi nazionali, ma così non è. Anzi, in questo modo, bloccano di fatto il potenziamento delle attività partecipative dei volontari, colonna portante della protezione civile, impedendo la costituzione della Consulta.

Dopo la serie di incendi che hanno ferito il territorio durante l’estate e i danni del maltempo a case e strade, con la formazione di voragini e tombini saltati, il Lazio contano i danni dopo il violento nubifragio di domenica.

In un momento in cui, dunque, la Regione è mobilitata a 360° su incendi, alluvioni, condizioni idrogeologiche particolarmente avverse, il tentativo di ostacolare il processo partecipativo – e quindi il riconoscimento costituzionale del lavoro di cittadini attivi – è inaccettabile”, concludono i due consiglieri.

Si apre una fase nuova per la prevenzione: 13 milioni ai consultori

Lo stanziamento di tredici milioni e mezzo di euro che la Giunta Zingaretti ha effettuato tramite decreto, è davvero una bella notizia per la nostra regione e un avanzamento reale in termini di prevenzione e tutela della salute delle donne.

In piena coerenza con la nostra storia riformista – siamo stati i primi, tra le regioni italiane, a esserci dotati di una legge dopo la legislazione nazionale sui consultori, negli Anni ’70 – oggi, stiamo anche aprendo una fase nuova.

Una rete strategica sul territorio

Con queste risorse, finalmente le Asl potranno acquistare i macchinari necessari agli screening di prevenzione dei tumori. E le circa 160 strutture socio-sanitarie presenti sul territorio laziale (60 solo a Roma) avranno la possibilità concreta  di giocare un ruolo strategico in termini di assistenza alle famiglie e di rete fondamentale di servizi per la tutela della salute femminile.

Dopo anni in cui i consultori sono stati progressivamente svuotati delle loro funzioni, finalmente possiamo avviare un nuovo corso in termini di offerta di servizi socio-sanitari alle famiglie.

A difesa dei diritti delle donne

Il più grande investimento della storia della Regione Lazio“, come lo ha definito  il presidente Zingaretti per l’ammodernamento delle “tecnologie per la prevenzione nei centri di screening in tutti i consultori della Regione”.

Le più moderne e le più avanzate per continuare questa battaglia a difesa dei diritti delle donne.

Pagamenti: il Lazio diventa Regione virtuosa, una buona notizia per le imprese

“E’ stato un lavoro lungo e faticoso, ma alla fine coronato da successo. Oggi il Lazio è considerato tra le Regioni più affidabili in Italia per rapidità nei pagamenti ai fornitori. Lo confermano i dati del Ministero dell’Economia”. A parlare è Teresa Petrangolini, consigliere regionale del Lazio, a commento dell’inchiesta apparsa stamane sul Corriere della Sera.

“Come spiegano i dati riportati dalla stampa stamane – spiega Petrangolini – la Regione Lazio è quella che ha realizzato la migliore performance in Italia, collocandosi nella parte alta della classifica dei virtuosi dopo una rincorsa lunghissima”.

“Quando abbiamo cominciato quest’avventura – ricorda Petrangolini – l’amministrazione regionale era quasi al default. Le imprese venivano pagate a quasi tre anni dalla fattura solo nel 2013 e a due anni nel 2014. Ma il lavoro della Giunta Zingaretti è stato costante e determinato. L’anno scorso il Lazio è diventata fra le Regione più rapide in assoluto, saldando quasi un miliardo di euro a 17 giorni medi dalla presentazione della nota. L’unica altra amministrazione regionale nel gruppo dei migliori è la Lombardia, con saldi medi a ventidue giorni. Molti fattori hanno concorso al raggiungimento di questo risultato: tra questi certamente l’adozione – tra le prime in Italia – della fatturazione elettronica”.

“Questa – prosegue Petrangolini – è un’ottima notizia prima di tutto per le imprese e per i cittadini in generale: la puntualità nei pagamenti garantisce a tutti di vivere e lavorare in un contesto in cui vengono rispettati gli impegni e garantita la certezza del diritto. Un risultato che fa del Lazio un modello di riferimento, proprio nel momento in cui, viceversa, l’amministrazione capitolina fa acqua da tutte le parti. Bisogna ricordare, infatti, che il Comune di Roma nel primo trimestre di quest’anno ha pagato le imprese fornitrici in media 85 giorni dopo la presentazione della fattura e nel secondo due mesi e mezzo dopo. Sempre troppo, quasi il triplo dei limiti di legge. Nella Regione Lazio, invece – conclude – la giusta miscela di competenza, responsabilità, impegno e rispetto dei cittadini è diventata garanzia di buona amministrazione”.

 

Manutenzione aree verdi da parte dei cittadini: più risorse dal Lazio

La Regione Lazio investe sulla cittadinanza attiva e sui beni comuni (il bene comune in questione sono le aree verdi). E’ quello che emerge dal collegato estivo approvato la mattina di sabato dal Consiglio regionale del Lazio.

Vediamo di che cosa si tratta. Chi ha esperienza di attivismo civico sa che che molto spesso gruppi di cittadini si organizzano, nel proprio quartiere, per ripulire le aiuole di una piazza, per recuperare piccoli parchi pubblici un po’ malmessi, per ridare decoro ad aree verdi abbandonate che rischiano un progressivo degrado. Un contributo prezioso per l’amministrazione pubblica che sempre più spesso fatica a tenere in ordine pezzi importanti di aree urbane. Sappiamo anche quanto sia importante per la popolazione poter contare su queste aree e l’impatto educativo e culturale che può derivare dall’intervento civico per la cura dell’interesse generale.

Ovviamente, come tutte le attività umane, anche questa ha dei costi. Si spiega così l’intervento del Consiglio regionale del Lazio che, nell’ambito del provvedimento appena adottato, ha deciso di destinare dei contributi ai comuni al fine di sostenere l’iniziativa dei cittadini. La norma recita chiaramente: “Al fine di incentivare la manutenzione delle aree riservate al verde pubblico urbano da parte dei cittadini, la Regione concede contributi ai comuni che, nel rispetto delle disposizioni statali vigenti, stipulano apposite convenzioni con comitati di quartiere o associazioni senza fini di lucro costituite da cittadini residenti nei quartieri in cui sono situate tali aree o che ivi svolgono la propria attività lavorativa a carattere continuativo”. La stessa norma è estesa anche agli Enti gestori delle Aree naturali protette.

Davvero una bella notizia, mi pare, per chi ha a cuore l’attuazione concreta della sussidiarietà orizzontale, prevista nella nostra Costituzione all’articolo 118, ultimo comma.

Ovviamente, la norma che ho segnalato qui è soltanto una delle tante che fanno parte del collegato e che possono cambiare il volto della Regione. In particolare, con un sostegno concreto per i comuni del Lazio. L’impegno in tal senso è dimostrato dallo stanziamento – davvero significativo – di 3,4 milioni di euro per il triennio 2017-2019 che servirà per alimentare il fondo per prevenire il dissesto finanziario dei comuni. L’articolo 1 della legge, infatti, si propone l’obiettivo di fornire un sostegno finanziario regionale agli enti locali che versano nella procedura di riequilibrio finanziario pluriennale (il cosiddetto predissesto). Secondo quanto è emerso nel corso dei lavori in commissione, sarebbero una sessantina in tutto i comuni interessati.

Per avere tutte le informazioni sul collegato, con le tante novità legislative appena approvate, vi rimando al resoconto dell’Ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio. Buona lettura!